Storia e cultura in Slovenia

Scoprite la ricca storia e cultura slovena ed esplorate i suoi numerosi castelli, chiese, monasteri, gallerie e altri luoghi di cultura.

Collegamenti rapidi

Situata al crocevia dell'Europa, dove l'Occidente incontra l'Oriente e il Sud, la diversità della Slovenia risuona con forza anche con il suo popolazione di poco più di 2 milioni di abitanti e si sente ad ogni passo. 

Influenzata da un lunghissimo elenco di culture che risalgono alla preistoria, la Slovenia è ricca di tradizioni e praticamente ogni villaggio aggiunge il suo carattere unico al mosaico dell'invidiabile patrimonio culturale del Paese. 

Quando non esplorate la natura selvaggia, il vostro Slovenia vacanze dovrebbe sicuramente includere la visita ai numerosi castelli, chiese, monasteri, musei, gallerie e altri luoghi di cultura del Paese che conservano così bene il nostro passato, celebrano il nostro presente e immaginano il nostro futuro.

Il castello di Lubiana

Storia della Slovenia

La storia della Slovenia è lunga, turbolenta, colorata e molto ricca. Il territorio di questo piccolo e giovane Paese è stato sotto il regno di diversi imperi, regni e stati. Numerose tribù si sono insediate o hanno attraversato queste terre, contribuendo in modo determinante alla ricchezza culturale dell'attuale Slovenia.

Facciamo un breve viaggio nel tempo per ripercorrere alcune delle tappe fondamentali della Slovenia nel corso dei secoli.

La preistoria

Il versante meridionale delle Alpi è stato abitato e migrato dall'uomo già circa 250.000 anni fa. Un osso di orso delle caverne forato di 60.000 anni fa, rinvenuto nel 1995 nella grotta di Divje Babe, vicino a Cerkno, che assomiglia a un flauto, è forse l'esemplare più antico di orso delle caverne. il più antico strumento musicale mai scoperto. Altri manufatti simili sono stati rinvenuti nei pressi di ex abitazioni neandertaliane, come un ago preistorico (30.000 anni fa). La palude di Lubiana, patrimonio dell'umanità dell'UNESCO, è famosa per i resti di palafitte in cui è stata scoperta la più antica ruota di legno (5.200 anni).

La ruota di legno più antica del mondo Museo della città di Lubiana
La ruota di 5.200 anni fa. Autore: Andrej Peunik

Tra l'età del bronzo e l'età del ferro, la cultura di Urnfield ha visto il suo apice nel territorio sloveno, e i siti archeologici, in particolare del periodo di Hallstatt, sono sparsi in tutta la Slovenia sud-orientale, indicando che fu presto abitata da tribù illiriche e celtiche nell'età del ferro.

Illiri, Celti e Romani

Dal 4th a 3rd secolo a.C., le tribù prevalentemente illiriche erano fiorenti in questa parte del mondo e nel 250 a.C. i Celti iniziarono a insediarsi in varie regioni. Nel 221 a.C. i Romani si avventurarono nei pressi delle Alpi Giulie, dove si verificarono i primi scontri tra Romani e Celti.

Nel 9 a.C., l'intera area dell'attuale Slovenia era sotto il dominio romano. Era condivisa dalla Venetia et Histria e dalle province di Pannonia e Norico. Nel 14 d.C., i Romani stabilirono Emona (Lubiana), che era una postazione commerciale strategica, popolata soprattutto da mercanti e artigiani. La città più antica della Slovenia era Poetovio (Ptuj) e Celeia (Celje) ricevette i diritti municipali già nel 45 d.C.

I Romani costruirono strade commerciali e militari che attraversavano il territorio sloveno, fortificando le forti rotte commerciali dall'Italia alla Pannonia. Durante le incursioni in Italia nel 5th e 6th secoli, invasioni degli Unni e delle tribù germaniche segnò l'inizio della fine della Slovenia romana.

Mura romane a Lubiana

Tribù slave

In 550 D.C.La prima ondata di slavi arrivò in Slovenia. Migrarono da est e si stabilirono vicino alle Alpi dopo il ritiro dei Longobardi (l'ultima tribù germanica) nel 568. La seconda ondata di Slavi (585 d.C.) ha visto cambiare per sempre l'identità culturale e linguistica della popolazione locale. Questo segna il profondo radicamento della cultura slava in quest'area.

Il 7th Il secolo successivo vide lunghe battaglie tra Avari e Merovingi. Re Samo unì gli Slavi alpini e occidentali contro gli Avari e i popoli germanici e fondò quello che è noto come Regno di Samo, il primo regno slavo in questa regione. Dopo la morte del re, avvenuta nel 659 circa, gli antenati degli sloveni formarono il ducato indipendente di Carantania, l'attuale Carinzia, e la Carniola, in seguito chiamata ducato di Carniola.

Infatti, la Carantania è conosciuta come la primo principato sloveno (slavo) indipendenteche ha perso l'indipendenza nell'8th secolo e divenne parte del Impero franco sotto Carlo Magno. Sebbene le rivolte contro gli Avari continuassero, gli Slavi pagani locali accettarono presto la fede cristiana.

Medioevo

Tre decenni dopo che il cristianesimo aveva messo radici solide in questa regione subalpina, i Carantani furono incorporati nell'Impero carolingio. In seguito alla ribellione antifrancese di Liudewit, all'inizio del IX secolo, i Carantani furono incorporati nell'Impero Carolingio.th secolo, i Franchi rimossero i principi carantani e li sostituirono con i propri duchi. Questo fu un punto di svolta importante nella storia della Slovenia, in quanto i Sistema feudale franco raggiunse il territorio sloveno e il dominio straniero, che divenne una costante per tutta la storia slovena, mise radici.

Dopo la sconfitta dei Magiari da parte dell'imperatore Ottone I nel 955, il territorio sloveno fu diviso in diverse regioni di confine del Sacro Romano Impero. La Carantania, già la più importante, fu elevata a ducato di Carinzia nel 976, e dall'11th secolo, la germanizzazione dell'attuale Bassa Austria isolò gli abitanti sloveni dagli altri slavi occidentali. Così, gli slavi della Carantania e della Carniola si fusero gradualmente in un gruppo etnico indipendente carantano-carniolano-sloveno.

Nell'anno 1000, il Manoscritti di Frisinga che sono i più antichi documenti scritti in quella che sarebbe diventata la lingua slovena. Tuttavia, nel corso della storia della Slovenia, la lingua locale (autoctona) passò in secondo piano rispetto al tedesco e nel XII secolo, Le città slovene hanno ricevuto i loro nomi tedeschi: Lubiana (Laibach), Celje (Cylie) e Maribor (Marchburch).

Tra gli 11th e 14th secoli, queste terre sono state governate da diverse famiglie feudali, come i duchi di Spannheim, i conti di Gorizia, i Conti di Celjee la Casa d'Asburgo. In questo periodo la colonizzazione tedesca ridusse in modo significativo la lingua slovena, ancora in formazione.

La dinastia carantana fu conquistata dal re boemo Ottocaro II nel XIII secolo.th Gli Asburgo stabiliscono il loro dominio su gran parte del territorio e restano una forza da non sottovalutare fino ai primi anni '20.th secolo. Entro il 15th secolo, i nobili più importanti, i conti di Celje, salirono a principi del Sacro Romano Impero nel 1436 e Lubiana divenne sede di una diocesi.

Il Castello di Celje, dimora dei Conti di Celje

Alla fine del Medioevo, il Raid turchi La crisi di San Paolo causò grandi difficoltà economiche e sociali nell'area dell'attuale Slovenia e, nel 1515, una rivolta contadina si diffuse in quasi tutto il territorio sloveno. Questo fu solo l'inizio dei problemi, perché nel 1572 e nel 1573 grandi guerre tra croati e sloveni rivolte contadine si diffuse in tutta la regione. Tali sanguinose insurrezioni continuarono per tutto il 17th secolo.

Ma non si trattava solo di malinconia e tristezza. Numerosi progressi positivi come il primo libro sloveno stampato nel 1550, la traduzione slovena della Bibbia nel 1583, la fondazione della società accademica Academia operosorum Labacensis a Lubiana nel 1693 e, nel 1701, l'istituzione a Lubiana della Società Filarmonica, una delle più antiche del mondo.

Primo periodo moderno

Dopo la dissoluzione della Repubblica di Venezia nel 1797, la Slovenia fu inghiottita dalla Impero austriaco, e tra non molto, Gli eserciti di Napoleone e il territorio sloveno passò sotto le province illiriche amministrate dai francesi.

L'industrializzazione fu accompagnata dalla costruzione della prima ferrovia nel 1838. Questo periodo ha visto migrazioni massicce a causa delle opportunità molto limitate, così tra il 1880 e il 1910 circa 300.000 sloveni emigrarono all'estero, soprattutto negli Stati Uniti, in Sud America (Argentina), in Germania, in Egitto e in altre città dell'Austria-Ungheria.

Nonostante questi tempi turbolenti, il 19th secolo ha visto un il rilancio della cultura e della lingua slovenae fiorì l'idea dell'autonomia culturale e politica. Il concetto di Slovenia unita si concretizzò per la prima volta durante le rivoluzioni del 1848, unificando la maggior parte dei partiti e dei movimenti politici sloveni dell'Austria-Ungheria dell'epoca.

Nel 1851, a Klagenfurt, fu fondata la prima casa editrice slovena e si iniziò a pubblicare libri in sloveno. In questo periodo, l'ideologia che promuove la unità di tutti gli Slavi del Sud divenne una risposta popolare al nazionalismo pangermanico e all'irredentismo italiano. Ma proprio quando la primavera dell'autonomia balcanica e slovena cominciava a sbocciare, un terribile conflitto travolse l'Europa, mettendo tutto in secondo piano.

Prima guerra mondiale

La prima guerra mondiale portò alla Slovenia perdite eccezionalmente pesanti, in particolare le dodici Battaglie del fronte isontino (nelle montagne vicino al fiume Isonzo), che si svolse lungo l'attuale confine occidentale con l'Italia. Centinaia di migliaia di coscritti furono arruolati nell'esercito austro-ungarico e oltre 30.000 caddero.

Gli sloveni che vivevano nella Contea principesca di Gorizia e Gradisca furono reinsediati a migliaia nei campi profughi in Italia e in Austria. In seguito al Trattato di Rapallo del 1920, circa 327.000 sloveni furono sfollati in Italia e, dopo la presa del potere da parte dei fascisti, furono sottoposti a una violenta italianizzazione. Ancora una volta, iniziò l'emigrazione di massa degli sloveni dal Litorale sloveno e da Trieste. La regione sud-occidentale della Slovenia fu coinvolta nella resistenza antifascista passiva e armata per tutto questo periodo.

Ossario italiano di Kobarid Patrimonio della prima guerra mondiale
Ossario dei soldati italiani caduti nella prima guerra mondiale a Kobarid

Regno dei Serbi, Croati e Sloveni (poi Regno di Jugoslavia)

Lo Stato degli Sloveni, dei Croati e dei Serbi fu proclamato nella Piazza del Congresso di Lubiana il 20 ottobre 1918. Il Partito Popolare Sloveno chiedeva la creazione di uno Stato slavo meridionale semi-indipendente sotto il dominio asburgico.

La maggior parte dei partiti politici sloveni appoggiò questa decisione e ne scaturì il diffuso Movimento della Dichiarazione. Gli austriaci denunciarono questo movimento, ma in seguito alla dissoluzione dell'Impero austro-ungarico dopo la Prima guerra mondiale, il 6 ottobre 1918 il Consiglio nazionale degli sloveni, dei croati e dei serbi prese il potere a Zagabria. Non molto tempo dopo, l'indipendenza fu dichiarata a Lubiana e dal parlamento croato, e il nuovo Stato degli Sloveni, dei Croati e dei Serbi è nato.

Il 1° dicembre 1918, questo Stato si è fuso con la Serbia, entrando a far parte del nuovo Regno dei Serbi, dei Croati e degli Slovenie nel 1929 fu ribattezzata Regno di Jugoslavia. Già allora la Slovenia era lo Stato più industrializzato e occidentalizzato e divenne il centro della produzione industriale e dello sviluppo economico.

Il periodo tra le due guerre portò prosperità alla Slovenia. Poco prima dello scoppio della Seconda Guerra Mondiale, la È stata istituita l'Accademia Nazionale delle Scienze e delle Arti a Lubiana nel 1937 - un'altra pietra miliare sulla strada della Slovenia per diventare uno Stato nord-balcanico moderno e accademicamente avanzato.

Seconda guerra mondiale

La Slovenia è stata l'unica nazione europea ad essere completamente annesse sia dalla Germania nazista che dall'Italia fascista durante la Seconda guerra mondiale. Le forze dell'Asse invasero la Jugoslavia nell'aprile 1941 e proclamarono la vittoria in poche settimane. Il sud del Paese, compresa Lubiana, fu annesso all'Italia, mentre i nazisti regnavano sul resto.

Fu pianificata una pulizia etnica che prevedeva il reinsediamento, l'espulsione o l'eliminazione della popolazione slovena locale. Circa 40.000 uomini sloveni furono arruolati nell'esercito tedesco e inviati sul fronte orientale. Il La lingua slovena è stata vietata dall'istruzione formale e il suo uso nella vita pubblica fu limitato. In risposta all'occupazione e al massacro di migliaia di persone, la Fronte di liberazione nazionale sloveno è stato organizzato.

Le unità partigiane slovene agirono come parte degli eserciti partigiani jugoslavi guidati dal leader comunista Josip Broz Tito. Dopo quattro anni di guerriglia, migliaia di morti sul campo e nei campi di concentramento italiani e tedeschi, nonché una grave divisione tra i locali arruolati dai nazisti (Home Guard) e quelli che si erano ribellati, la Jugoslavia era liberato dalla resistenza partigiana nel 1945.

Fu la nascita della federazione socialista conosciuta come Repubblica Federale Popolare di Jugoslavia. La Slovenia ha aderito alla federazione come repubblica costituente sotto la sua guida filocomunista.

Il socialismo

A causa della scissione tra Tito e Stalin nel 1948, le libertà economiche, sociali e personali in Slovenia sono state tenute ad uno standard molto più alto rispetto ad altri Paesi del blocco orientale.

La graduale liberalizzazione economica, nota come autogestione dei lavoratoriIl socialismo di Tito fu introdotto dal teorico marxista e leader comunista sloveno Edvard Kardelj. Il socialismo di Tito aveva un prezzo: i sospetti oppositori della politica del Partito furono perseguitati e migliaia di persone furono mandate al confino. Isola di Goli otok, un campo di prigionia nell'Adriatico settentrionale.

Per tutto il periodo della Jugoslavia, La Slovenia è rimasta lo stato economicamente più avanzato e godeva di un'autonomia relativamente ampia e il suo valore di produzione annuale era stimato in 2,5 volte superiore a quello delle repubbliche sorelle.

Il regime socialista è stato osteggiato soprattutto dai circoli intellettuali e letterari, che si sono fatti sentire soprattutto in seguito a La scomparsa del Maresciallo Tito nel 1980. Le controversie politiche e sociali si intensificarono negli anni '80 e la morte della Jugoslavia era imminente.

Indipendenza e democrazia

Nel 1987, un gruppo di intellettuali lungimiranti ha chiesto l'indipendenza slovena, scatenando una movimento democratico che ha iniziato a erodere il socialismo, e nel settembre 1989 sono stati approvati diversi emendamenti costituzionali per introdurre la democrazia parlamentare.

Nell'aprile 1990, il prime elezioni democratiche in Slovenia e il movimento democratico ne uscì vittorioso. Il 23 dicembre 1990, oltre 88% degli elettori votarono per una Slovenia sovrana e indipendente, e il 23 dicembre 1990, oltre 88% degli elettori votarono per una Slovenia sovrana e indipendente. 25 giugno 1991, la Slovenia dichiara ufficialmente l'indipendenza.

Seguì una guerra di dieci giorni con la Jugoslavia, ma alla fine di luglio gli ultimi soldati dell'esercito jugoslavo di stanza in Slovenia lasciarono il Paese. Nel dicembre dello stesso anno, un nuova costituzione e le ruote della democratizzazione sono state messe in moto.

Bandiera slovena
Bandiera slovena

La Slovenia ha aderito al Unione Europea e NATO nel 2004. La Slovenia è stata anche il primo Paese in transizione ad entrare nell'Eurozona e ha fatto il suo ingresso nell'Unione Europea. Area Schengen il 1° gennaio 2007. È stato il primo Paese post-comunista a detenere la presidenza del Consiglio dell'Unione europea nel 2008. 

Cultura slovena

La Slovenia ha una sorprendente diverso e un patrimonio culturale eccezionalmente ricco, strettamente legato al suo carattere storico e geografico unico. Innumerevoli castelli, architetture colorate, città e villaggi antichi, saline, pannelli tradizionali di alveari, creazioni artistiche accattivanti, costumi, gastronomia: tutto questo e molto altro ancora costituisce il fascino della Slovenia come destinazione culturale.

Secovlje
Sečovlje Saline

La lingua e altri aspetti della cultura slovena sono in gran parte influenzato dalle tradizioni germaniche, slave orientali e meridionali e mediterranee..

Come si è detto nella sezione Storia della Slovenia, la lingua è la pietra miliare dell'identità nazionale slovena ed è indissolubilmente intrecciata alla sua cultura. Fin dai tempi del protestantesimo, con il primi libri stampati in lingua slovena Katekizem (Catechismo) e Abecednik (Lettore elementare), scritti da Primož Trubar nel 1550, la lingua letteraria è gradualmente fiorita e ha dato origine a una lista invidiabile di grandi scrittori, poeti, narratori e simili. Anche il Giornata della cultura, celebrata l'8 febbraio, ricorda la scomparsa del più importante poeta romantico sloveno, France PreÅ¡eren.   

I visitatori della Slovenia hanno ampie possibilità di sperimentare l'autenticità della cultura locale in numerosi eventi, istituzioni e organizzazioni sotto forma di musei, gallerie, teatri, ecc.

Per gli sloveni la cultura è davvero di grande importanza e questa passione per la conservazione tradizioni folcloristiche e costumi è evidente sia nelle città più grandi del Paese che negli insediamenti più piccoli.

Ben un quinto della popolazione slovena partecipa regolarmente a eventi culturali. Lo Stato sostiene in larga misura la rete di istituzioni nazionali e finanzia gran parte dei programmi, delle attività e dei progetti nel campo della cooperazione culturale nazionale e internazionale, compresa quella delle minoranze italiana e ungherese in Slovenia e degli sloveni all'estero.

Pirano

I musei più grandi si trovano nella capitale Lubiana e comprendono il Museo nazionale della Slovenia e il Museo di storia contemporanea della Slovenia. Ci sono poi musei specializzati (etnografici, tecnici, di scienze naturali) e altri musei regionali che si trovano in tutto il Paese. Forse il più importante è il Museo di Kobaridche ha ricevuto il premio per il miglior museo europeo.

Tuttavia, numerosi tipi di mobili patrimonio culturale e musei all'aperto si trovano in ogni regione del Paese. Sono un modo fantastico per scoprire la cultura slovena specifica della zona. Per non parlare delle grandi reti di sentieri didattici che attraversano la natura selvaggia slovena.

Museo Nazionale di Lubiana
Museo Nazionale di Lubiana

Le arti, nelle loro varie sottocategorie, possono essere godute in una serie di luoghi eccellenti, come il Filarmonica slovenauno dei più antichi d'Europa, o la Teatro dell'Opera di Lubianache è stato recentemente rinnovato.

Gli eventi culturali, in generale, sono estremamente popolari e ben organizzati in Slovenia. La Biennale di Arti Grafiche di Lubiana, l'annuale Festival estivo di Lubiana, il Festival Lent di Maribor, il festival cinematografico Liffe, il Festival Exodos di Arti Danzanti di Lubiana, il teatro di strada Ana Desetnica, il PEN Writers' Meeting di Bled, il Vilenica Writers' Meeting di Sežana e la Biennale di Design Industriale, solo per citarne alcuni. Cankarjev Dom e Križanke sono anche luoghi che vale la pena visitare quando si è alla ricerca di spettacoli musicali o di danza.

Per quanto riguarda l'architettura, meravigliosamente conservata centri storici di Pirano, Ptuj, Å kofja Loka, Kranj, Kamnik, Lubiana, ecc. presentano un assortimento molto vario di stili che attraversano tutti i diversi periodi come il gotico e il barocco. Questo è molto evidente in Chiese in tutto il Paese. Gli esempi più famosi di questo patrimonio culturale sono la chiesa di Sveta gora, vicino a Ptuj, e gli incantevoli monasteri di Žiče, Stična e Pleterje. A Lubiana, le creazioni della architetto di fama mondiale, Jože Plečnik, si trovano a decorare grandi porzioni del centro. 

La chiesa di San Michele nella palude di Lubiana
La chiesa di San Michele di Plečnik nella palude di Lubiana

Persone

Gli sloveni sono un gruppo di persone amichevoli e ospitali. slavi subalpini con un patrimonio genetico tanto vario quanto il loro patrimonio naturale e culturale. Gli sloveni sono una tribù umile e ospitale, ma molto motivata e laboriosa, con un grande amore per la vita, il senso dell'umorismo e la disponibilità incondizionata a dare una mano. 

Sono un'ottima nazione sportiva, come si evince dalla moltitudine di attività all'aria aperta praticate e da una lista incredibilmente lunga di successi sportivi sia nelle discipline invernali che in quelle estive. Inoltre un gruppo di atleti incredibiliLa Slovenia ha prodotto centinaia di famosi scienziati, inventori, artisti, architetti, autori, chef e altri cittadini di spicco. 

Non male per un paese di due milioni di abitanti, no?

Città e villaggi

La Slovenia non ha grandi metropoli. Infatti, la capitale della Lubiana è la più grandecon una popolazione di soli 280.000 abitanti. Tuttavia, ogni città è molto particolare e vale sicuramente la pena di fare una passeggiata. 

La miscela di vari tipi di architetturaLe città slovene, dal barocco al moderno, hanno un'anima e un carattere. I villaggi che punteggiano la campagna sono colorati come i loro dintorni. 

La maggior parte dei luoghi della Slovenia vi saluta con un sano mix di tradizione e modernità. I lungofiumi e le strade sono fiancheggiati da deliziosi caffè e ristoranti. I centri cittadini sono ricchi di negozi e mercati moderni e offrono servizi di ogni tipo.

Città di Ptuj

Se desiderate esplorare di persona la storia e la cultura della Slovenia, prenotate uno dei nostri vacanze culturali.

Per saperne di più su ciò che dovete sapere prima di partire
Logo Slovenia Holidays
Offriamo la più ampia varietà di vacanze in Slovenia. Dai pacchetti attivi e avventurosi ai viaggi organizzati con attività all'aria aperta, dalle vacanze in famiglia alle pause rilassanti in città, fino alle vacanze di lusso e su misura. Qualunque sia la vostra preferenza, Slovenia Holidays vi copre con i migliori tour guidati e autoguidati.

© Copyright by Vacanze in Slovenia